Cipresso comune – Nocera Umbra, cimitero civico comunale

512 512 Patriarchi Verdi. Itinerari in Valle Umbra
  • 3

Nome botanico della specie: Cupressus sempervirens L.
Circonferenza tronco: 1) 4,00 m (a circa 120 cm da terra, massima altezza a cui è stato possibile misurare la circonferenza della pianta considerata la sua forma) 2) 3,35 m (a petto d’uomo, circa 130 cm di altezza)
Altezza pianta: 1) 19,0 – 20,0 m (stimata, evidenziando in entrambi i casi la difficoltà a procedere nelle misurazioni per la conformazione del terreno e la distribuzione delle piante e delle sepolture) 2) 22 m (stimata)
Ampiezza chioma: 1) 5,5 m (circa, su un lato la presenza di un altro esemplare ha impedito lo sviluppo armonico della chioma) 2) non misurata in quanto ritenuta non significativa, poiché la chioma è stata drasticamente ridotta sul lato che sporge verso una struttura muraria che contiene le sepolture
Stato di salute (a vista): 1) buono, piante di edera hanno però iniziato ad abbarbicarsi a questo cipresso monumentale 2) buono, ma come detto la pianta è stata ampiamente mutilata verso la struttura muraria più prossima
Altitudine (m s.l.m.): 515
Rilevatore/autore della scheda: Giampaolo Filippucci, Alvaro Paggi, Tiziana Ravagli

Ci troviamo nel cimitero civico di Nocera Umbra, a monte dell’abitato della ‘Città delle acque’ in direzione della frazione Africa. Qui, all’interno degli alti muri che circondano e proteggono il complesso architettonico racchiudente le sepolture, troneggiano numerosi esemplari di splendidi e austeri cipressi. Un primo gruppo di 16 piante si presenta quasi immediatamente alla vista del visitatore che entri in questo luogo di silenzio e preghiera, quasi tutte a segnare con la propria presenza il vialetto che collega il monumento centrale a tante vecchie sepolture. Tra questi il più maestoso, il primo tra i patriarchi verdi del cimitero di Nocera Umbra è appena discosto dal filare di destra (entrando nel cimitero) e veglia severo e silente sul campo delle tombe a terra. Salendo un poco, sulla sinistra, troviamo un secondo patriarca verde, il diciassettesimo cipresso che funge quasi da collegamento con il successivo gruppetto di 7 piante presenti ancor più a monte del drappello più numeroso; un insieme di tanti cipressi dal tronco colonnare, dritto e robusto, che negli esemplari più vecchi si presenta ripetutamente fessurato e sfibrato verticalmente proprio a testimonianza dell’età vetusta. Il secondo per grandezza (quello che nel nostro racconto abbiamo presentato come il diciassettesimo) svolge, altresì, una funzione davvero particolare: complici catene, ormai arrugginite e addirittura inglobate nel tronco della pianta, e lucchetti, relativamente più moderni quasi a suggerire un uso continuato nel tempo, custodisce le vecchie scale di ferro che servivano per raggiungere i loculi più alti e forse per qualche opera di manutenzione dei tetti delle sepolture. Osservando queste piante ci è tornato alla mente un articolo dal titolo evocativo ‘Il cipresso, decoro della vita e segno di speranza per la morte’, a firma di Carlo Lapucci, che riporta la data del 26 ottobre 2011, [www.toscanaoggi.it, 9 gennaio 2019]; ne riportiamo un piccolissimo stralcio particolarmente significativo per il nostro racconto, per quanto osservato tra questi grandi e vecchi alberi: «Le grandi piante vicine agli abitati ospitano anche strani oggetti, spesso antichi, rovinati. I rami di questa pianta come nasse hanno la capacità di trattenere quello che viene lanciato da terra e spesso senza lasciarlo ricadere, nonostante il vento e i lunghi anni. Quasi tutto ciò che è stato tirato tra i rami, o portato dal vento, si ferma in mezzo a quelle sbarre resinose, profumate e vi rimane […] Morte o vive il cipresso assorbe tutte le realtà che entrano nella sua enorme gabbia per rilasciarle disfatte solo dopo lunghi anni, o mai per tutta la sua lunga vita…» Una realtà così ben descritta che ritroviamo integra anche tra i cipressi di questo cimitero.

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Cookie Policy e Preferenze sulla Privacy
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.