I custodi delle antiche cultivar di mais si dedicano al recupero delle sementi locali per l’agrobiodiversità

1024 350 Zon@Ambiente
  • 0
Non una mera ‘operazione nostalgia’: l’idea è coinvolgere tutta la filiera, dai titolari di mulini ai panifici, ai pastifici, ai birrifici, alle botteghe artigiane, alle cooperative e ai consorzi, ma anche ai ristoratori. Il ritorno all’antico per un futuro migliore ed ecosostenibile

I custodi del mais sfidano le multinazionali: tornano le antiche varietà

TORNANO i mais antichi. Tornano a riempire i campi, ricostruiscono paesaggi perduti, arricchiscono di biodiversità un’agricoltura che da decenni ha ridotto a poche specie super selezionate il cereale addomesticato dai Maya 10mila anni fa. Dal Piemonte al Friuli, dall’Alto Adige all’Abruzzo i custodi delle antiche varietà si stanno organizzando.

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Cookie Policy e Preferenze sulla Privacy
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.