02 (2) – Cos’è la LIGNITE?

747 1024 Ambiente e Biodiversità
  • 0

Con questo termine si indica un tipo di carbone fossile, intermedio tra la torba e il litantrace.

Il maggiore contenuto in sostanze humiche della torba, e quindi la possibilità di decomposizione all’aria, costituiscono le differenze più evidenti tra queste e il più pregiato litantrace, il carbone fossile più conosciuto ed utilizzato come combustibile nel mondo. In genere le ligniti hanno un contenuto in carbonio variabile tra il 55 e il 57%, in idrogeno tra il 3 e il 6%e in ossigeno tra il 19 e il 25%.

Le ligniti si classificano in due tipi principali:

  • lignite xiloide o piligno, marrone chiaro, con evidente tessitura legnosa
  • lignite picea, nera, amorfa, compatta, lucente, a frattura concoide

La lignite di Morgnano appartiene alla prima qualità.

Tra i due tipi principali esistono, ovviamente, delle varietà con caratteristi-che intermedie:

  • la lignite torbosa contiene elementi vegetali, minuti, cementati da una matrice consistente e scura
  • la lignite torbo-legnosa, simile alla precedente ha un maggiore contenuto di piligno
  • la lignite terrosa, è formata da elementi ancor più piccoli, è friabile e pulverulenta se asciutta
  • il disodilo, ricco in elementi fogliacei, friabile, giallo-brunastro
  • la lignite bruna è compatta, omogenea, bruna
  • la lignite scistosa risulta sottilmente stratificata, di colore nerastro
  • il giaietto è compatto, facilmente lucidabile, nero, utilizzato nel confezionamento di suppellettili

Ma torniamo alle miniere del comprensorio spoletino…

Qui, come anticipato, la lignite venne classificata come lignite torbo-xiloide (‘Terni: Società per l’industria e l’elettricità, 1884-1934’, op.cit.).

Sulla base delle dimensioni dei pezzi estratti fu, altresì, classificata in quattro tipi:

  • lignite in pezzi grossi – che venivano separati all’atto della coltivazione
  • trito – il materiale più fino che derivava dalla vagliatura effettuata dopo la cernita dei pezzi maggiori
  • granitello – che si ricavava rivagliando i rifiuti della prima vagliatura
  • polvere – ottenuta dagli avanzi della seconda opera di vagliatura e con una percentuale di materiale combustibile non superiore al 50%

Le due qualità migliori venivano utilizzate soprattutto dalla Società ‘Terni’ per la gassificazione; la terza era bruciata nelle miniere per la produzione di vapore e in parte commercializzata per l’utilizzo da parte degli opifici allo stesso fine e per la cottura dei laterizi. La quarta, infine, trovava il suo utilizzo in agricoltura, come ammendante per i terreni eccessivamente argillosi, o come concime, vista la capacità della lignite di assorbire i gas ammoniacali (‘La Società degli Alti Forni, Fonderie ed Acciaierie di Terni ed i suoi Stabilimenti’, op. cit.).

Questo post è tratto da:

A CURA DELL’ASSOCIAZIONE AMICI DELLE MINIERE: Bruno Mattioli, Aurora Gasperini, Lamberto Gentili, Tiziana Ravagli

Con l’Associazione Amici delle Miniere, fondata a Spoleto grazie al contributo della Comunità Montana dei Monti Martani e del Serano e per la volontà di tanti cittadini che quell’epopea l’hanno vissuta direttamente o attraverso i ricordi di genitori e nonni, abbiamo raccontato la storia delle miniere di Spoleto (e non solo) nel volume LA POESIA DEL DIVENIRE

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.