Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Mughetto" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Mughetto (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mughetto
Konwalia w deszczu.jpg
Convallaria majalis
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Asparagales
Famiglia Asparagaceae
Sottofamiglia Nolinoideae
Genere Convallaria
Specie C. majalis
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Convallaria
Specie C. majalis
Nomenclatura binomiale
Convallaria majalis
L., 1753
Sinonimi

Lilium convallium

Nomi comuni

mughetto, mugherino, convallaria

Il mughetto (Convallaria majalis L.) è una pianta erbacea perenne, rizomatosa, appartenente alla famiglia delle Asparagaceae, diffusa dall'Europa al Caucaso.[1]

Il nome Convallaria deriva dalla denominazione latina Lilium convallium o giglio delle convalli; viene chiamato volgarmente mugherino, convallaria e fioraliso e presenta alcune varietà a fiore rosa[2].

Descrizione

Fiori
Frutti

Fusto

Scapi eretti alti fino a 20 cm.

Radici

Sottili con lungo rizoma stolonifero, mediante.

Foglie

Due sole foglie basali ovali-lanceolate, larghe 2–4 cm, lungamente picciolate, appuntite e dapprima racchiuse in una guaina, la superficie dalla lamina è glabra liscia di colore verde-chiaro, e mostra numerose nervature parallele.

Fiori

Bianchi, con perigonio subgloboso-campanulato, formato da 6 tepali saldati, con brevi punte libere, profumatissimi, riuniti in numero di 5-12 in piccoli racemi unilaterali penduli, fioritura primaverile.

Esistono diverse cultivar selezionate per la grandezza del fiore (C. majalis 'Berlin Giant' and C. majalis 'Géant de Fortin') il colore delle foglie (C. majalis 'Albostriata' 'Green Tapestry', 'Haldon Grange', 'Hardwick Hall', 'Hofheim', 'Marcel', 'Variegata' and 'Vic Pawlowski's Gold') per la maggiore fioritura (C. majalis 'Flore Pleno') o il colore rosa (C. majalis 'Rosea').[senza fonte]

Frutti

Bacche globose, pendule, rosse a maturità, poco più grosse di un pisello.

Semi

Ogni frutto porta tre semi brunastri a sezione triangolare.

Distribuzione e habitat

Spontaneo nei boschi delle prealpi, manca nell'Italia meridionale e insulare.

Frequente nei luoghi boscoso-cespugliosi e sassosi, specialmente su suoli calcarei, dalla pianura alla montagna.

Coltivazione

Esige posizione ombreggiata, terreno soffice, ricco e sabbioso, annaffiature abbondanti nel periodo vegetativo, con riposo estivo.

Si moltiplica, in autunno o in primavera, per divisione dei rizomi, lasciando una gemma e alcune radici per ogni porzione.

Le varietà per la forzatura invernale prevedono l'utilizzo di rizomi con occhi (gemme) di 3 anni, con apice arrotondato, tenuti in ambiente fresco, collocandoli in mazzetti, in cassette ripiene di sfagno, ricoprendoli di sabbia, torba o segatura, senza luce con temperature di 25-30 °C, bagnando quotidianamente, quando le piantine raggiungono i 10 cm di altezza, si aumenta la luminosità abbassando contemporaneamente la temperatura a 20-22 °C, per la produzione del fiore reciso si procede al taglio a raso della cacciata.

Usi

  • Coltivata come pianta ornamentale nei luoghi ombrosi di parchi e giardini per decorare aiuole, sottobosco, per la produzione industriale del fiore reciso o forzato in serra per la commercializzazione invernale di piante fiorite in vaso.
  • L'aroma di mughetto è usato in profumeria, ma spesso gli è preferito quello di sintesi.
  • Utilizzata per le proprietà medicinali di alcuni glicosidi come la convallatossina, convallamarina, convallarina e acido convallarico.

Proprietà medicinali

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tavola botanica di Convallaria majalis

L'intera pianta è tossica e contiene sostanze irritanti quali le saponine, responsabili di disturbi digestivi, e numerosi glicosidi cardioattivi, il principale dei quali è la convallatossina, responsabile di disturbi cardiovascolari per via dei suoi effetti simil-digitalici.[3]
In seguito ad ingestione accidentale possono comparire segni e sintomi simili a quelli dell'intossicazione digitalica: disturbi digestivi, bradicardia, ipertensione arteriosa e aritmie cardiache. La severità dell'intossicazione dipende dalla quantità ingerita e può comportare sintomi severi ed essere talora fatale. La maggior parte delle ingestioni accidentali di piccole quantità causa tuttavia solo sintomi lievi.
Il meccanismo della tossicità è simile a quello della digitale, che agisce primariamente inibendo l'azione dell'ATPasi di membrana della pompa sodio-potassio dei cardiomiociti, determinando un aumento del sodio intracellulare.
Per tali proprietà, il mughetto è stato in passato utilizzato per la cura dello scompenso cardiaco, ma a causa del basso indice terapeutico, cioè del ristretto margine esistente tra le concentrazioni terapeutiche e le concentrazioni tossiche, l'uso è stato abbandonato.

Curiosità

Una credenza popolare toscana, spiega che una pianta di mughetto si trovava ai piedi della Croce e che i suoi fiori si piegarono per non vedere la sofferenza di Cristo, caratteristica che poi mantennero per sempre.

Note

  1. ^ (EN) Convallaria majalis, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 19 novembre 2021.
  2. ^ Mughetto (Convallaria majalis): Consigli, Coltivazione e Cura, su L'eden di Fiori e Piante. URL consultato il 25 aprile 2016.
  3. ^ (EN) Joachim Alexandre, Anthony Foucault e Guillaume Coutance, Digitalis Intoxication Induced by an Acute Accidental Poisoning by Lily of the Valley, in Circulation, vol. 125, n. 8, 28 febbraio 2012, pp. 1053–1055, DOI:10.1161/CIRCULATIONAHA.111.044628. URL consultato il 19 novembre 2021.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85076966 · GND (DE4168623-8 · NDL (ENJA001105500
Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica