Search
Generic filters
Solo parole esatte
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto

17-23 novembre 2016, Scuola primaria ‘Le Corone’, Spoleto, classe IIIA-IIIB, iniziamo il nuovo anno di didattica ambientale con ‘Viaggio lungo il Clitunno’

1024 768 MontagneAperte
  • 1

Viaggio di conoscenza nell’ambiente naturale della Valle Umbra, a partire dal fiume Clitunno  e dalle fonti che lo originano.

Un modo per conoscere la pianura seguendo un tratto del fiume Clitunno, con rimandi continui tra storia, ambiente, natura, cultura.

Un modo per conoscere opere di grande valenza ingegneristica, come la ‘botte dell’occhio’, condotto con sifone grazie al quale il ramo sinistro del fiume Clitunno passa al di sotto del torrente Marroggia e del torrente Tatarena e prosegue verso il Molino della Torre di Montefalco.

Abbiamo iniziato con una bella presentazione in classe, durante la quale abbiamo illustrato il fiume Clitunno nelle sue varie specificità, come si originano le sue sorgenti, come si svolge il suo percorso, i rami nei quali si divide e tanto altro ancora… Abbiamo presentato la carta dei fiumi della Valle Umbra per illustrare quanti (TANTI!) corsi d’acqua drenano con i loro alvei la nostra pianura.

Durante l’escursione, abbiamo compiuto con i giovani allievi anche piccole ma interessanti osservazioni naturalistiche, per aiutare i bambini a scoprire la ricchezza di biodiversità del nostro territorio, ricordando tradizioni della cultura locale, promuovendo la conoscenza delle principali specie arboree che caratterizzano le Fonti del Clitunno e quindi l’ambiente tipico dei corsi d’acqua della Valle Umbra.

Il nostro ‘viaggio’ è terminato al molino della Torre di Montefalco.
Qui i bambini hanno avuto la fortuna di conoscere la signora Caterina che ha ricordato loro come il molino nella storia sia servito sia per macinare le olive e produrre olio, sia per macinare il grano e ottenere, quindi, la farina; inoltre, per qualche tempo le acque del Clitunno sono servite anche ad alimentare una turbina per la produzione di energia elettrica ad uso locale. La signora Caterina ha anche detto ai giovani allievi che nel caseggiato conosciuto come molino della Torre di Montefalco, che oggi è la sua abitazione, un tempo hanno vissuto i genitori di santa Chiara da Montefalco [religiosa vissuta a Montefalco a cavallo tra la seconda metà del XIII secolo e i primi anni del XIV secolo]: un pezzo di storia nella storia…
Che altro aggiungere? Una bellissima esperienza in più!

Fonti del Clitunno, cipresso calvo delle paludi, scuola primaria 'Le Corone' Spoleto, novembre 2016

I bambini hanno avuto la possibilità di conoscere un albero che non conoscevano: il cipresso calvo delle paludi (Taxodium distichum (L.) Rich.).
Questa specie appartiene alla famiglia delle Cupressacee ed è originaria delle zone paludose della Florida e del Golfo del Messico.
La sua caratteristica è che si tratta di una delle poche conifere che perde le foglie.
In autunno, dopo aver assunto una colorazione rossastra anche molto intensa, le foglie aghiformi cadono insieme ai rametti che le sorreggono, lasciando l’albero spoglio: da qui nasce il nome comune di cipresso calvo.
Il cipresso calvo delle paludi è stato introdotto in Italia per la sua bellezza e longevità: può vivere anche 1000 anni.
Nel parco delle Fonti del Clitunno, questa specie è stata introdotta molto probabilmente dallo spoletino Francesco Francolini, famoso studioso di agraria e botanica, nella seconda metà del XIX secolo.

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Cookie Policy e Preferenze sulla Privacy
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.