01. TREVI: sorgenti e fonti storiche

1024 768 Itinerari e Luoghi
  • 0

Nel 2015 (circa) Bernardino Sperandio, sindaco del Comune di Trevi, nell’ambito delle attività del gruppo di lavoro per la storia locale (di cui ha avviato i lavori con il coordinamento e la collaborazione di Nello Calandri, prematuramente scomparso, e di Daniela Rapastella, funzionaria P.O. del Comune di Trevi, Responsabile della Segreteria e allora anche dell’Ufficio Cultura), incaricò il nostro team di occuparsi di sorgenti e fonti storiche presenti nel territorio collinare e montano comunale. L’idea era quella di inserire questo argomento in uno dei quaderni di storia che il Comune aveva in mente di pubblicare in progress. Il primo, DA PIAZZA DEL LAGO A PIAZZA GARIBALDI, fu presentato il 7 ottobre 2014…

Come spesso ci accade, abbiamo iniziato presto a lavorare su questo nuovo argomento, per noi particolarmente coinvolgente trattando di acque, di indagini in recessi remoti, di confronti tra cartografie antiche e moderne…
Abbiamo così avviato ricerche storiche (piuttosto difficili per carenza di informazioni sul tema specifico e considerando anche che l’archivio comunale di Trevi è stato a lungo indisponibile); abbiamo ottenuto dati dalle informazioni che sono reperibili (a saperle ben leggere) nella cartografia catastale (a partire dal Gregoriano e dai brogliardi collegati) e in quella topografica (tavolette IGM ecc.).
Infine, sulla base dei riscontri cartografici e dei dati storici, abbiamo girato il Comune in lungo e in largo, intervistando tanti abitanti delle diverse frazioni e località che arricchiscono di interesse e di storie il panorama del territorio trevano.
Abbiamo geolocalizzato, e quindi cartografato e registrato, tutte le sorgenti e le fonti storiche che siamo riusciti a individuare; alcune di queste non esistono più se non nella memoria o nella storia, altre sono ormai ridotte a poche gocce di acqua che scaturiscono dal terreno solo in occasione di piogge importanti.
In questa impegnativa attività di studi e ricerche ci è stato di grandissimo aiuto consultare il volume fondamentale quando si parla di storia di Trevi: l”Historia universale dello Stato temporale ed ecclesiastico di Trevi 1745′, di Durastante Natalucci, che il lavoro incredibile di Carlo Zenobi e Franco Spellani ha reso nella disponibilità di tutti gli appassionati di storia locale.
L’altro aiuto fondamentale ci è arrivato, e non poteva essere altrimenti, direttamente da Franco Spellani, che per questa sua partecipazione al progetto è a pieno titolo uno dei coautori del lavoro.
Il più di questa ricerca è ormai compiuto (anche se con il tempo cercheremo sicuramente di arricchirla, ad esempio consultando le fonti archivistiche); poiché il Comune non ha più dato seguito all’idea di pubblicarla in uno dei suoi quaderni storici, abbiamo deciso di renderla disponibile nelle pagine di MontagneAperte ora che il network web è curato direttamente dalla nostra nuova associazione: una associazione nata anche per proseguire questi studi dedicati all’ambiente, al paesaggio, alla storia locale.
Alla fine di questa introduzione vogliamo rivolgere un ringraziamento speciale alla dottoressa Lucia Bertoglio, che ci supporta sempre con la sua competenza e la sua meravigliosa cultura in queste nostre ‘avventure’.
Un ringraziamento particolare lo rivolgiamo, infine, a tanti abitanti delle frazioni di Trevi che con le loro preziose informazioni ci hanno aiutato (e continuano ancora a farlo) in queste ricerche: senza la loro collaborazione molte sorgenti e fonti storiche di questo territorio sarebbero rimaste solo nei ricordi, senza una (più o meno) precisa individuazione sul terreno, e molti dati si sarebbero, probabilmente, persi per sempre…

Trevi: sorgenti e fonti storiche... la mappa e le schede

Trevi: the springs and the historical sources… the map and the data sheets

Nota bene: cliccando su ciascuno dei segnalini potrai accedere alla relativa scheda… buona lettura!---N.B.: by clicking on each waypoint – ‘little signal’ – you will access the relative data sheet… enjoy your reading!

This research has been curated by Giampaolo Filippucci and Tiziana Ravagli together with Franco Spellani, Alvaro Paggi and with the collaboration of Lucia Bertoglio.
The cartographic revisions published in this post have been curated by Tiziana Ravagli, Danilo Rapastella, Giampaolo Filippucci.

The translation of this page and related tabs is edited by Guenda Camilla PICCARDI.

Back in (approximately) 2015, the mayor of Trevi District Bernardino Sperandio, as part of the activities of the working group for local history (of which he launched the work with the coordination and collaboration of Nello Calandri, who prematurely passed away, and Daniela Rapastella, a P.O. official of Trevi District, Manager of the Administrative Office and at the time also of the Culture Department), assigned our team the task of dealing with the springs and the historical sources which are present in the mountain and hilly territory of the district.
The idea was to integrate this topic in one of the history notebooks that the District had planned to publish “in progress”. The first, FROM “PIAZZA DEL LAGO” TO “PIAZZA GARIBALDI” has been presented on the 7th of October 2014…

As we often do, we promptly started to work on this new topic which we find particularly captivating, dealing with water, research made in remote hideouts, comparisons between ancient and modern cartography…
In this way we have launched some historical researches (rather difficult due to the lack of information on this specific topic and also considering that the municipal archive of Trevi has been unavailable for a long time); we have obtained some data from the information which are available (if it’s known how to properly read them) in the cadastral cartography (starting from the Gregorian and the related ancient cadastral registers called ‘Brogliardi’) and in the topographic one (Military Geographic Institute small wooden boards etc.). Finally, on the basis of the cartographic comparisons and of the historical data, we have travelled far and wide around the District and we have interviewed many inhabitants of the several hamlets and localities which enrich the landscape of Trevi territory with allure and history.
We have therefore started and presented our itinerary in order to geolocate, to register and to make a cartography of all the springs and historical sources that we weren’t able to locate; some of them don’t exist anymore if not in the memory or in history, some others are by now reduced to few drops of water which spring from the terrain only during some very heavy rain periods.
Whilst we were carrying out this demanding activity of research and investigation we found very helpful to consult this volume, essential when dealing with the history of Trevi: ‘Historia universale dello Stato temporale ed ecclesiastico di Trevi 1745 (the universal History of the temporal and ecclesiastic State of Trevi in 1745)’ by Durastante Natalucci, which has been made available to every local history enthusiast by the incredible work of Carlo Zenobi and Franco Spellani.
We have received another fundamental support directly by Franco Spellani and it couldn’t have been otherwise due to his participation in the project and to him being with full rights one of the coauthors of this work.
Most of the research has already been completed (even if over time we’ll try to enrich it, for example by consulting the archival collections) and, since the District never proceeded with the idea of publishing the work in one of its historical notebooks, we decided to publish it in the MontagneAperte website; our web network is now entirely curated by our new association which has also been created in order to carry on these projects dedicated to the environment, the landscape and the local history.
At the end of this introduction we would like to say a special thank you to the Doctor Lucia Bertoglio who has always supported us in our ‘adventures’ with her expertise and her extraordinary culture.
Finally, we would also like to say a special thank you to the various inhabitants of Trevi districts who helped us (and are still helping us) during this research with their precious information: without their collaboration many springs and historical sources of this territory would have only remained a memory, without a (more or less) precise identification on the terrain, and, many data would have probably been lost for ever…

L'ACQUEDOTTO MEDIEVALE DI TREVI

Un lavoro sulle fonti storiche e sulle sorgenti di Trevi non può che iniziare con (almeno) un breve cenno sull’acquedotto medievale che un tempo raccoglieva le acque di alcune di quelle meravigliose ‘fontane di acqua viva’… E come ogni racconto che si rispetti anche il nostro non può che iniziare dicendo… c’era un tempo un magnifico acquedotto, così antico che nei documenti scritti non si trova traccia della data iniziale della sua realizzazione…

La traduzione di TREVI: SORGENTI, FONTI STORICHE E… L’ACQUEDOTTO MEDIEVALE, dei post e delle schede collegate è di Guenda Camilla PICCARDI.

AVVERTENZE: le acque di queste fonti storiche e delle varie sorgenti censite con questo lavoro, salvo casi particolari, come ad esempio quelle gestite dagli Enti e dalle Amministrazioni che le certificano, DEVONO INTENDERSI NON POTABILI. La potabilità delle acque deve infatti essere puntualmente documentata e attestata da analisi garantite dalle Istituzioni preposte che le ripetono e le validano nel tempo. In assenza di queste indagini chimiche, fisiche, batteriologiche ecc. e delle relative certificazioni l'acqua non può essere definita per uso idropotabile!!! Per tutto ciò il censimento ha il solo obiettivo della ricerca storica. Si declina ogni responsabilità nel merito.

WARNINGS: the water of the historical sources and of the various springs which have been observed throughout this project, except for some specific cases like those managed and certified by some Institutions and Administrations, MUST BE CONSIDERED NON POTABLE. The only aim of our project is to conduct historical research. We refuse any responsibility on the matter.

Le coordinate – puramente indicative – sono state rilevate con GPS Garmin Montana 650T e con apposite App per il sistema Android ::: The coordinates – purely indicative – have been detected using a ‘Garmin Montana 650T’ GPS and some specific Android Apps

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.