Lucia

236 250 Edicole sacre. Nel territorio della Comunità Montana dei Monti Martani e del Serano
  • 0
Agata e Lucia (Trevi, scheda 800)

Agata e Lucia (Trevi, scheda 800)

Iconografia

Dal Medioevo è rappresentata con gli occhi su un piatto (perché secondo la tradizione, legata all’origine del suo nome, che significa luce, subì una tortura in cui gli furono strappati gli occhi, che poi lei stessa rimise al suo posto); tra gli attributi può avere la palma simbolo del martirio e la spada (o il pugnale), strumento con il quale fu uccisa.
Talora è rappresentata con dei buoi; questa raffigurazione richiama quanto raccontato nella Legenda Aurea: denunciata dal suo promesso sposo, il console di Siracusa, che ella aveva abbandonato scegliendo di dedicare la propria vita a Cristo, e condannata a morte per non avere abiurato la sua fede, Lucia divenne così pesante che neanche più coppie di buoi riuscirono a spostarla verso il luogo prescelto per il suo martirio.

Vita

Morì vergine e martire a Siracusa durante le persecuzioni di Diocleziano, intorno all’anno 304.

Protezione

È protettrice di elettricisti e oculisti; è invocata nelle oftalmie.
Il suo culto si diffuse subito dopo la morte.

La festività cade il 13 dicembre.

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.