Ova agli ubbrici, ai tabbi…

1024 939 Itinerari e Luoghi
  • 0

Le cime più tenere del luppolo, raccolte, lavate e spezzettate, sono soffritte in olio d’oliva.

A cottura ultimata si aggiungono le uova, adeguatamente salate e abbondantemente strapazzate, e si lasciano rassodare, mescolando continuamente fino ad ottenere un composto abbastanza morbido.

Nella composizione di questi piatti a base di uova strapazzate oltre agli “ubbrici” si possono utilizzare anche altre verdure: ad esempio i “tabbi”, in pratica i getti giovani della vitalba, e i freschi turioni degli asparagi.

Nota bene: la vitalba contiene sostanze tossiche.
Si possono, per questo, utilizzare solo i germogli molto giovani, che tuttavia sono comunque vietati a donne in gravidanza o che allattano, a bambini, ad anziani e in generale a soggetti debilitati e/o malati.

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Cookie Policy e Preferenze sulla Privacy
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.