Assisi

Punti di interesse

SITO NATURA 2000 ‘FOSSO DELL’EREMO DELLE CARCERI’

SITO NATURA 2000 ‘FOSSO DELL’EREMO DELLE CARCERI’ (Monte Subasio) IT5210030, piccolo sito di valore e interesse comunitario che si estende su una superficie di circa 50 ettari. La lecceta di alto fusto che qui vegeta è una delle più importanti dell’Italia centrale, soprattutto per la presenza di alberi secolari e per la grande omogeneità della comunità vegetale.Tra la fauna segnaliamo il granchio di fiume (Potamon fluviatile Herbst), specie in progressiva rarefazione, e l’occhiocotto (Sylvia melanocephala Gmelin), passeriforme poco comune la cui presenza è strettamente legata alla macchia mediterranea. Il bosco è stato interessato da interventi che ne permettono una bella godibilità ai fini del turismo sostenibile, grazie anche a una rete di sentieri e percorsi interni, attrezzati nel rispetto della natura del luogo e volti ad assicurarne la piena agibilità ai visitatori. Nel corso della conferenza stampa di presentazione dei lavori [Perugia, 26 settembre 2013], portati a termine dalla Comunità montana dei Monti Martani, Serano e Subasio, il padre Custode dell’Eremo delle Carceri, frate Ambrogio, ebbe modo di ricordare che questa antica lecceta: «È un esempio perfetto di come coniugare architettura e natura, la pietra dell’Eremo con il bosco, in un’armonia che non ha soltanto una valenza francescana e religiosa, ma induce comunque il visitatore alla riflessione e alla meditazione, al ‘guardarsi dentro’ per il recupero di quei valori che oggi, spesso, si sono perduti […]».

ASSISI

ASSISI è ricca di un patrimonio storico e artistico di notevole interesse, basti ricordare il tempio romano di Minerva (I secolo a.C.), l’antico Foro, le domus romanae di Properzio e del Lararium.

Il processo di urbanizzazione del colle su cui sorge Assisi iniziò a delinearsi tra il V e il IV secolo a.C. per giungere a una reale consistenza in età repubblicana. La trasformazione in centro urbano fu probabilmente favorita dalla posizione geografica, allo sbocco di valli fluviali e strade di collegamento con la montagna che favorirono gli scambi transappenninici.Tutto il materiale epigrafico, che fornisce importanti, a volte curiose, notizie sulla vita pubblica e privata degli abitanti di Asisium, è conservato nel Museo e Collezione Archeologica in via Portica, nei pressi del tempio così detto di Minerva. L’impianto urbanistico segue l’andamento naturale del terreno e, in conseguenza di ciò, fu organizzato attraverso la realizzazione di ampie terrazze degradanti dalla quota più alta (Rocca Maggiore) fino a quella più bassa (complesso del Vescovado).

I monumenti più significativi sono tutti all’interno o a ridosso della poderosa cinta muraria, in ampi tratti perfettamente  conservata.

Il tempio, l’anfiteatro, le ricchissime domus gentilizie raccontano di una città il cui splendore, fatta eccezione per alcuni episodi devastanti come l’assedio e la distruzione da parte dei Goti di Totila (545 d.C.), è rimasto praticamente intatto attraverso i secoli [R. Orsini,‘Assisi, Asisium’, Itinerari nella storia. Percorsi archeologici in Valle Umbra, 2015].

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Cookie Policy e Preferenze sulla Privacy
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.