Rosmarino – Assisi, Rocca Sant’Angelo

1019 1024 Patriarchi Verdi. Itinerari in Valle Umbra
  • 3

Nome botanico della specie: Salvia rosmarinus Spenn. [sin. Rosmarinus officinalis L., Salvia rosmarinus Schleid. – N.d.R.]
Nome popolare con cui l’albero è conosciuto localmente: il rosmarino di Onelia [in dialetto… Trasmerino – N.d.R.]
Circonferenza tronco: 75 cm circa
Altezza pianta: (non rilevata)
Ampiezza chioma: oltre 5,0 m
Età: 75 anni
Stato di salute (a vista): ottimo, fa una fantastica fioritura
Altitudine (m s.l.m.): 320 circa [riferita al borgo – N.d.R.]
Rilevatore/autore della scheda: Cloe, alunna della V sez. B della Primaria di Rivotorto di Assisi, con la collaborazione della mamma Emilia
Si ringrazia la signora Onelia per avere consentito a Cloe e a Emilia di censire questo magnifico rosmarino per il nostro progetto [N.d.R.]

Continua il nostro viaggio alla ricerca dei Patriarchi Verdi, ma soprattutto continua la nostra meravigliosa collaborazione con le scuole, questo anno (2020, così tragicamente colpito dalla pandemia di coronavirus) con una classe in particolare: la V sez. B della Primaria di Rivotorto di Assisi e con le loro maestre Erica Ravagli, tra i soci fondatori della nostra Associazione, e Susy Musella.
Dopo il bel lavoro dedicato alla Giornata della Terra, ci è venuto in mente di avviare con questi giovani allievi e con le loro bravissime insegnanti un percorso dedicato ai GRANDI ALBERI. In questo momento così complicato in cui la didattica si svolge a distanza con collegamenti in orari diversi, il nostro compito è stato semplicemente quello di ‘offrire’ alla maestra l’idea e la presentazione dedicata ai PATRIARCHI VERDI che realizzammo lo scorso anno con la maestra Maria Vittoria per il progetto ‘In mezzo scorre il Menotre’. Il resto, o meglio il TUTTO, lo hanno compiuto le insegnanti, i bambini, i loro genitori che anche questa volta si sono sentiti partecipi di questa grande avventura che è la scoperta degli ALBERI, di quelli GRANDI, ma anche con meravigliosa semplicità degli ALBERI DI FAMIGLIA, quelli la cui storia si intreccia con la storia della nostra vita e ancor più con quella dei nostri genitori, nonni, zii o i grandi vecchi (i PATRIARCHI…) che abbiamo avuto la fortuna di incontrare… Il tutto scandito dalle pagine web di MontagneAperte, alle quali Erica e Susy hanno indirizzato i loro giovani allievi e che questi hanno idealmente ‘sfogliato’ insieme…
A questo nuovo, bellissimo lavoro dedichiamo questo post, anche perché grazie a questo progetto abbiamo scoperto il GRANDE ARBUSTO che mai avremmo immaginato di poter incontrare: il ROSMARINO DI ONELIA, che da circa 75 anni vegeta nell’antico borgo di ROCCA SANT’ANGELO nel comune di Assisi.
La scheda che segue è frutto del lavoro di Cloe, allieva della V sez. B della Primaria di Rivotorto.
A Cloe e alla mamma Emilia va il nostro ringraziamento per questa nuova scoperta! E un ringraziamento speciale è per Onelia che da 75 anni cura il GRANDE ROSMARINO!

La più 'vecchia in famiglia'. Storia di un patriarca verde. La storia di una vita di un 'Salvia Rosmarinus' (di CLOE)

I patriarchi verdi sono degli alberi molto vecchi che vivono anche oltre 100 anni.
Onelia, la donna più anziana del Castello di Rocca Sant’Angelo, che ha 92 anni, mi ha raccontato la storia della lunghissima vita di una pianta di Rosmarino.
Quando lei aveva circa 17 anni faceva un lungo viaggio per andare a prendere le spezie nel bosco, un giorno decise di piantare le spezie in un pezzetto di terra davanti a casa sua all’interno del Borgo di Rocca Sant’Angelo, un angolo di paradiso risalente al 1300, nel Comune di Assisi.
La Salvia Rosmarinus, comunemente conosciuta come Rosmarino, è cresciuta così tanto che il suo tronco è di 25 cm.
La sua chioma è ampia più di 5 metri ed è così folta e lunga che ci si può riparare sotto quando piove (la pianta è posizionata sopra a un muro del Castello così fa da “tettoia” ai passanti).
La pianta di Rosmarino ha ormai 75 anni e nonostante le tantissime stagioni che le sono passate sopra, letteralmente, è in ottima salute e fa una fantastica fioritura.
I paesani la rispettano e la curano con affetto.

In questi mesi di DAD noi insegnanti stiamo cercando in tutti i modi di rendere l'apprendimento meno sterile e più coinvolgente possibile. Non si può uscire a fare esperienze ma si può comunque esplorare il mondo presente e passato attraverso i racconti di chi magari riusciamo a raggiungere con una telefonata o una Zoomata 😅. L'idea di proseguire il lavoro sull'ambiente grazie a www.montagneaperte.it ci ha portato alla scoperta dei PATRIARCHI VERDI ed è stato lo spunto per conoscere ed imparare ad amare i nostri ``Allberi di Famiglia``. Semplicemente scendendo in giardino abbiamo misurato, intervistato ed ascoltato…chi ha sempre tanto da raccontare. Questo il prodotto finale, che abbraccia ``Sui passi di Francesco`` e il nostro IO HO CURA DI… le insegnanti Erica e Susy

ALBERI DI FAMIGLIA, I PATRIARCHI VERDI VISTI ATTRAVERSO GLI OCCHI DEI BAMBINI DELLA PRIMARIA DI RIVOTORTO, CLASSE V B

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.