Trevi, Rio Secco, Madonna della Neve

1024 666 Itinerari e Luoghi
  • 0

Si trova all’interno della Villa di Rio Secco, ad una quota di circa m 1103 s.l.m.

Vi fu fatta erigere dall’abate Alexandro, per sostituire la chiesa romanica di S. Pietro che, restata fuori dalle mura, era andata progressivamente in rovina. Internamente la chiesa è a sala unica.
Esternamente annotiamo la presenza di un portale archivoltato e di un modesto campaniletto a vela.
Il tetto è semplice a due spioventi.
Ricordiamo, per curiosità, che la Madonna della Neve si festeggia il 5 agosto.
Rio Secco è stata una villa di una certa importanza, per un periodo balìa autoreggentesi, in altri periodi alle dipendenze di Pettino o di Coste.
Nel 1432 all’interno vivevano venti famiglie.
Prese il nome dal fosso che nascendo dal monte alle spalle del piano di Rio Secco scorreva sotto la villa.
La Villa di Rio Secco confinava con Pettino, Cammoro e Coste ed aveva un territorio molto povero, selvaggio, montagnoso e boscato con pochi acri coltivabili, tra cui ricordiamo il già citato Piano di Rio Secco, piano carsico di notevole interesse ambientale e paesaggistico, probabilmente anticamente nominato Piano de’ Pozzi.
In questo piano vi era, forse, l’unica possibilità di approvvigionamento idrico della zona. Avveniva mediante uno o più pozzi, che permettevano di estrarre l’acqua presente nel piano stesso.
Una fonte di acqua peraltro molto legata alla variabilità meteorologica, in quanto strettamente connessa alla quantità degli afflussi pluviali.
L’unica risorsa economica di questa Villa derivava in pratica dal pascolo, peraltro abbastanza misero poiché il territorio, come detto, era privo di fonti di acqua viva (sorgenti perenni) e l’unica possibilità di approvvigionamento idrico anche per l’attività zootecnica era ancora una volta strettamente legata ai pozzi del Piano.
Rio Secco, con tutte le abitazioni dipendenti, venne acquistato dalla famiglia Valenti.
L’abate Alexandro, infatti, intese farne un castello e vi fabbricò «[…] col disfacimento delle altre fabriche, la ben grande abitazione ad uso di castello, facendo (che) si dichiarasse contea per sé e per i suoi successori […]»
Era circa l’anno 1535.
Attualmente la Villa di Rio Secco è di proprietà della Comunità Montana dei Monti Martani, Serano e Subasio.

Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code
Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds
Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definite le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentite all'uso dei cookie.